Via Bari, 22 - 00161 Roma tel. 06.44180210 - fax. 06.44180256 segreteria@dlfroma.it
Via Bari, 22 - 00161 Roma tel. 06.44180210 - fax. 06.44180256 segreteria@dlfroma.it

Quadri di Fausto Pirandello

Fausto Pirandello
Vita e opere

Fausto Pirandello nasce a Roma il 17 giugno 1899 da Luigi Pirandello e Antonietta Portolano.
Attorno al 1923 data i primi dipinti noti. Nel 1926 espone per la prima volta alla Biennale di Venezia. Nel 1927 è a Parigi, dove tiene la prima personale, nel 1929. L’anno successivo espone a Vienna, quindi è a Roma, dove nel 1931 ha la sua prima personale italiana, e dove risiederà e lavorerà sino alla morte.
È nei primi anni trenta, vicino al gruppo della Cometa, e quindi alle posizioni più avanzate dell’ambiente artistico romano, ma non allo stesso tempo non ha relazioni con l’egemone cultura ufficiale.

La seconda e la terza Quadriennale (’35 e ’39) gli destinano due importanti personali, mentre dal 1932 riprende la sua partecipazione alle Biennali veneziane; nel 1938 alla Galleria della Cometa, la prima personale di disegni. Si usa considerare la sua pittura di quel tempo – oggi presente nei principali musei italiani e stranieri – come parte integrante di quel largo e tutto sommato poco omogeneo movimento che è la Scuola Romana. Pirandello condivide con i maggiori suoi protagonisti una tavolozza calda, ristretta ai colori di terra, e accordata di toni; e partecipa con essi al superamento della pittura postimpressionista spadiniana – che ancora faceva innumerevoli proseliti – e all’erosione del monumentalismo e dell’accademismo classicheggiante. Ma, rispetto a Scipione, a Mafai, alla Raphael, a Mazzacurati o poco dopo al giovane Guttuso, la sua posizione è marcatamente autonoma, e il suo universo formale si distacca anche da quello dei suoi più prossimi sodali, come Emanuele Cavalli o Giuseppe Capogrossi.

Nel dopoguerra è presente a quasi tutte le Biennali e alle Quadriennali, mentre si apre il problematico rapporto con Lionello Venturi, che lo porta a mettere in crisi la sua scelta “figurativa”, e lo sollecita ad adottare moduli astratteggianti. Dopo un breve momento di sbandamento Pirandello sa però recuperare quanto aveva, alla fine degli anni Venti, a Parigi, già elaborato circa la sintassi spaziale cubista ed apre una tarda stagione – ancora poco conosciuta – di sicuro valore.
Vive progressivamente sempre più appartato gli anni Sessanta e i primi Settanta, nei quali peraltro l’operosità è intensa, e particolarmente incentrata sui pastelli.

Muore a Roma il 30 novembre 1975. Un anno dopo la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma gli dedica la prima importante retrospettiva.

Lascia un commento

Contatti



tel. 06. 44180210
fax. 06. 44180256
segreteria@dlfroma.it

DLF Roma
Via Bari, 22 - 00161 Roma

Privacy PolicyCookie Policy

Chi siamo



Il Dopolavoro Ferroviario (DLF) è oggi una delle più importanti onlus italiane nel settore del tempo libero.

Ultimi inserimenti

Tempio di Ammon

Categorie: