DLF Roma
Ass. Dopolavoro Ferroviario di Roma

Via Bari, 22 – 00161 Roma
Tel. 06.44180210 – Fax. 06.44180256
Email: [email protected]
 
Non vedi correttamente questa mail? Clicca qui >>
 
Ufficio di presidenza
Eugenio Chiocchi - Commissario ad acta (delibera GN/202/5marzo2015)
Antonio Balzani
Aldo Luciani
alt
n.158/2021
 
Newsletter realizzata da
Giulia Todini con
Idea SNC

Un video per non fermare il cuore

dlf roma
Un video per non fermare il cuore
 

La pandemia da corona virus ha fermato le nostre città; non permettiamole di fermare anche il nostro cuore.

Da diversi anni l’Associazione Dufashanye  in collaborazione con il Settore Cultura del DLF Roma organizza eventi  di raccolta fondi a sostegno dei bambini dell’Orfanotrofio di Gitega alla periferia di Bujumbura capitale del Burundi, come il tradizionale concerto di Natale a San Luigi dei Francesi.

Leggi tutto

 
dlf roma

L'eredità scientifica di Rosalind Franklin

 

fiaba
Rosalind Franklin
Londra 1920 - 1958

E' stata una famosa chimica e fisica britannica che ha dato contributi fondamentali per la comprensione della struttura molecolare del DNA.
Franklin è soprattutto conosciuta per il lavoro sulle immagini di diffrazione raggi X del DNA che ha portato alla scoperta della doppia elica del DNA.
Le sue scoperte di nascosto furono rivelate da Wilkins a Crick e Watson, che utilizzarono i dati della Franklin per costruire un modello del DNA.
I risultati ottenuti da Watson e Crick permisero ai due scienziati di vincere il premio Nobel.


Nata in un’influente famiglia di banchieri e uomini politici di origine ebraica, si iscrisse al Newnham College di Cambridge, contro il volere del padre per il quale avrebbe dovuto dedicarsi a opere di beneficenza.
Dopo la laurea nel 1942, ottenne un posto di assistente presso la British Coal Utilization Research Association (BCURA), dove studiò la struttura delle molecole del carbone e della grafite, alla base del dottorato, conseguito in chimica-fisica nel 1945, a Cambridge. Dopo due anni trovò un posto di ricercatrice nel Laboratoire Central Services Chimique de l’Etat, a Parigi, dove si specializzò nella diffrazione a raggi X e visse uno dei periodi più felici della sua vita, circondata da colleghi simpatici e calorosi.

Leggi tutto

 
dlf roma

cultura
DLF Roma - Cultura
Contatti: tel. 06.44180231- email [email protected]

cultura
Gruppo Archeologico
Cristianesimo e Impero romano in musica e al cinema nel primo Novecento: il Nerone di Boito e il Giuliano l'Apostata di Falena
   
Martedì 19 gennaio
Conferenza via Zoom ore 17.30 - prof. Alessandro Pagliara "Cristianesimo e Impero romano in musica e al cinema nel primo Novecento: il Nerone di Boito e il Giuliano l'Apostata di Falena".
 
 
cultura
Gruppo Archeologico
Teatro Argentina: Luce sull’archeologia
   
Domenica 31 gennaio

Prima conferenza online del ciclo Luce sull’archeologia

ore 11 – a cura del Teatro Argentina

Gruppo Archeologico
Via Bari 22 - Francesca Ventre 3470144268 Marino Giorgetti 3389145283
[email protected]
www.gruppoarcheodlfroma.it

dlf roma
Tanti auguri a ...  
servizi

I "migliori auguri di
Buon Compleanno" dal Presidente e dai Consiglieri tutti ai bambini e alle bambine nati dal 1 al 15 gennaio

 
auguri
dlf roma
C'era una volta
Il bambino nel sacco
ovvero storia di Pierino Pierone
Fiaba friulana
evergreen

Pierino Pierone era un bambino alto così, che andava a scuola.
Per la strada di scuola c’era un orto con un pero,
e Pierino Pierone ci s’arrampicava a mangiar le pere.
Sotto il pero passò la Strega Bistrega e disse: Pierino Pierone dammi una pera con la tua bianca manina, ché a vederle, son sincera, sento in bocca l’acquolina!

Pierino Pierone pensò:
«Questa si sente l’acquolina in bocca perché vuole mangiare me, non le pere»,
e non voleva scendere dall’albero. Colse una pera e la buttò alla Strega Bistrega.
Ma la pera cascò per terra,
proprio dov’era passata una mucca e aveva lasciato un suo ricordo.

La Strega Bistrega ripeté: Pierino Pierone dammi una pera con la tua bianca manina, ché a vederle, son sincera, sento in bocca l’acquolina!
Ma Pierino Pierone non scese e buttò un’altra pera, e la pera cadde per terra,
proprio dov’era passato un cavallo e aveva lasciato un laghetto.

La Strega Bistrega ripeté la sua preghiera e Pierino Pierone pensò che era meglio accontentarla. Scese e le porse una pera.

La Strega Bistrega aperse il sacco ma invece di metterci dentro la pera ci mise Pierino Pierone, legò il sacco e se lo mise in spalla. Fatto un pezzo di strada, la Strega Bistrega dovette fermarsi a fare un bisognino: posò il sacco e si nascose in un cespuglio.
Pierino Pierone che intanto, coi suoi dentini da topo, aveva rosicchiato la corda che legava il sacco, saltò fuori, ficcò nel sacco una bella pietra e scappò.

La Strega Bistrega riprese il sacco e se lo mise sulle spalle.
Ahimè Pierino Pierone Pesi come un pietrone! disse, e andò a casa.

L’uscio era chiuso e la Strega Bistrega chiamò sua figlia: Margherita Margheritone,
vieni giù e apri il portone E prepara il calderone Per bollire Pierino Pierone.

 
Leggi tutto
 
dlf roma
Quadri scelti
 
quadro
 
L'impero delle luci, René Magritte, Olio su tela,
1954, collezione Peggy Guggenheim, Venezia

 

Pittore belga, nato a Lessines il 21 novembre 1898, morto a Bruxelles il 15 agosto 1967. Nel 1913, in seguito al suicidio della madre, si trasferì con la famiglia a Charleroi, dove seguì i corsi dell’Athénée (1913-15) e dipinse le sue prime tele d’impronta impressionista. Stabilitosi a Bruxelles, tra il 1916 e il 1920 frequentò saltuariamente l’Académie des Beaux-Arts (Portrait, 1919; Le portrait de Pierre Bourgeois, 1920, Charleroi, Musée des Beaux-Arts) ed entrò in contatto con V. Sevranckx e P.-L. Flouquet con il quale, nel 1919, collaborò alla rivista Au Volant di P. Bourgeois.

Leggi tutto

 
dlf roma

Angolo della Poesia

L’amore, quando si rivela
di Fernando Pessoa

L’amore, quando si rivela,
Non si sa rivelare.
Sa bene guardare lei,
Ma non le sa parlare.

Chi vuol dire quel che sente
Non sa quel che deve dire.
Parla: sembra mentire…
Tace: sembra dimenticare…

Ah, ma se lei indovinasse,
Se potesse udire lo sguardo,
E se uno sguardo le bastasse
Per sapere che stanno amandola!

Ma chi sente molto, tace;
Chi vuol dire quello che sente
Resta senz’anima né parola,
Resta solo, completamente!

Ma se questo potesse raccontarle
Quel che non oso raccontarle,
Non dovrò più parlarle,
Perché le sto parlando …

Leggi tutto

servizi

Fernando António Nogueira Pessoa

Poeta e critico portoghese (Lisbona 1888 – ivi 1935). Artefice principale del rinnovamento della letteratura portoghese nel 20° sec., P. anticipò molte delle novità letterarie europee. Attraverso le varie esperienze poetiche del tempo P. s’impose nel modernismo, al quale ha dato l’avvio nel suo paese con enunciazioni programmatiche dalla rivista Orpheu.
La validità della sua lirica, riconosciuta gradualmente e tardi a causa delle scarse pubblicazioni di essa, vivente l’autore, ne fa un poeta di valori universali, documentati anche dalla singolare imponenza della critica su di lui e delle traduzioni della sua opera.

Leggi tutto

dlf roma
Evergreeen dell'ironia

Al ristorante

di Carlo Manzoni
evergreen

Il signor Veneranda sedette al ristorante.
- Il signore mangia? - chiese il cameriere al signor Veneranda.
- Certamente - rispose il signor Veneranda.
- Spaghetti al sugo, risotto, minestra in brodo? - chiese il cameriere leggendo la lista.
- Si capisce - disse il signor Veneranda - anche arrosto di vitello, salame, prosciutto, pesce, ossobuco, filetti, spezzatini, brasato eccetera. Adesso è inutile che stia qui a fare l'elenco delle cose che mangio. Mi piace quasi tutto.
- Va bene ma... - balbettò il cameriere stupito - io vorrei sapere cosa mangia adesso.
- Adesso niente - disse il signor Veneranda - ho già mangiato.
Di solito mangio prima di mangiare, dopo mangiato non mangio più.
Lei mangia anche dopo mangiato?
- No ma... - balbettò il cameriere che non sapeva più cosa dire
- le ho chiesto se mangia e mi ha detto di sì.
- Ma certo che mangio! - esclamò il signor Veneranda. - tutti mangiano.
Se non mangiassi creperei.
Non capisco perché le fa tanta meraviglia il fatto che mangio.
- Non mi fa meraviglia - disse il cameriere -
mi fa meraviglia il fatto che lei non mangia.
- Ma le sto ripetendo che mangio - gridò il signor Veneranda -
quante volte glielo devo dire?
- Allora, cosa vuole? - chiese il cameriere confuso.
- Niente - disse il signor Veneranda - assolutamente niente.

Da: 50 scontri col signor Veneranda

 
 
dlf roma
Angolo del sorriso :)  

natale

 
dlf roma

I nostri social

 

Ricordiamo ai nostri soci che è attiva la pagina Facebook del DLF Roma,
vi invitiamo a segnalare la vostra appartenenza alla nostra comunità cliccando su
"Mi Piace"o, se già fatto in precedenza, su "Condividi"!
E' inoltre attivo il nostro canale Youtube, clicca sul link che segue e iscriviti!

youtube
Puoi diventare follower di tutti i nostri social!

  fb yt fcr
Se non riesci a visualizzare correttamente i contenuti della Newsletter scarica il Reader PDF o contatta il nostro webmaster: [email protected]
Per cancellarti dal servizio Newsletter del DLF Roma invia una email vuota a: [email protected]
�<��<�